LA PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA


La psiconeuroendocrinoimmunologia o PNEI è lo studio delle relazioni tra i grandi sistemi di regolazione dell’organismo umano: il nervoso, l’endocrino e l’immunitario, e tra questi e la psiche cioè l’identità emozionale e cognitiva che contraddistingue ciascuno di noi.

L’aspetto innovativo della psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) è che i grandi sistemi di regolazione biologica, cioè il sistema nervoso, endocrino ed immunitario interagiscono tra di loro e vengono profondamente influenzati dagli stati psicologici. Il dialogo tra i grandi sistemi avviene attraverso molecole diverse tra di loro ma in grado di interagire sui vari distretti.



Un esempio illuminante è rappresentato da una molecola celebre, il fattore di crescita nervoso (NGF in sigla), scoperto da Rita Levi Montalcini. Tradizionalmente, questa molecola è stata assegnata al cervello; ora, in realtà, si dimostra un potente fattore stimolante del sistema immunitario. Addirittura questa molecola è molto importante per la pelle. Nella cute, infatti, NGF viene prodotto sia dalle fibre nervose, sia da tutte le cellule del sistema immunitario cutaneo, sia dai cheratinociti, che sono cellule dello strato superficiale dell’epidermide.

Una eccessiva produzione di NGF, ad esempio, può indurre una iperproliferazione delle cellule epidermiche e una risposta infiammatoria di tipo immunitario (degranulazione dei mastociti). La conseguenza può essere la comparsa di placche infiammate (eritematose) tipiche della psoriasi che non a caso si aggrava in periodi di maggiore stress.


Nella seconda metà degli anni ‘80 è stata provata la versatilità di molte molecole e anche l’esistenza di recettori per queste sostanze nelle cellule dei tre sistemi. In sostanza, abbiamo numerose prove scientifiche che l’organismo umano possiede un linguaggio unitario mediante il quale cervello, ghiandole endocrine e sistema immunitario si scambiano informazioni.

L’organismo umano funziona quindi come un sistema che attimo per attimo si regola e reagisce alle stimolazioni psichiche. Grazie agli studi sul sistema dello stress e la neurobiologia delle emozioni, risulta chiaro che qualunque evento capace di suscitare emozioni intense e profonde scatena delle risposte somatiche sia a livello neurovegetativo (tachicardia, diarrea...) che endocrino ed immunitario. Esiste dunque un anello di congiunzione tra stato di coscienza e corpo rappresentato dal sistema neurovegetativo.


La psiconeuroendocrinologia o PNEI è l’approccio veramente olistico della medicina e rappresenta il punto d’incontro tra scienza e coscienza. Studia l’organismo umano nella sua interezza e nel suo fondamentale rapporto con l’ambiente. Lo sviluppo delle ricerca in questo campo consente di recuperare tradizioni mediche millenarie (a torto definite non convenzionali o alternative) da una medicina che in realtà dimostra, specie nelle patologie croniche o psicosomatiche notevoli lacune terapeutiche. Si auspica dunque anche l’avvento di un olismo terapeutico nell’ambito del quale lo specialista sia in grado di fornire ai suoi pazienti tutte le opzioni terapeutiche disponibili e non soltanto quelle apprese sui testi di medicina cosiddetta "convenzionale".

Nella psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) convergono, all’interno di un unico modello, conoscenze acquisite, negli ultimi settanta anni, dall’endocrinologia, immunologia, psicologia e neuroscienze.

Nel 1936, Hans Selye, scienziato di origine ungherese scomparso nel 1982, dimostrò che la reazione di stress riguarda precipuamente tre distretti corporei: la ghiandola surrenale, il timo e le mucose gastrointestinali.

L’esaurimento surrenalico provoca tra l’altro stanchezza cronica, insufficiente capacità di attivazione immunitaria (ci si ammala quando si è più stanchi) e frequente comparsa di sintomi gastrointestinali. Maggiore è il numero di stressori sia fisici (caldo, freddo, radiazioni), infettivi (virus, batteri), psichici (emozioni, traumi) ed alimentari ai quali siamo esposti e maggiore è la durata di esposizione agli stessi e più grave sarà la nostra somatizzazione. Già alla metà degli anni ’70, Hugo Besedowsky, attualmente all’Università tedesca di Marburgo, dimostrò che la reazione di stress, con l’aumento della produzione del cortisolo da parte delle surrenali, causa una soppressione della risposta immunitaria. Nella seconda metà degli anni '80, il fisiologo statunitense Edween Blalock dimostrò che i linfociti, fondamentali cellule immunitarie, hanno recettori per gli ormoni e i neurotrasmettitori prodotti dal cervello e che, al tempo stesso, producono ormoni e neurotrasmettitori del tutto simili a quelli cerebrali. E’ anche ormai dimostrato che il sistema immunitario influenza il comportamento. In sintesi la PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) rappresenta la lettura e la dimostrazione in chiave fisiopatologia del vecchio concetto di medicina psicosomatica o, come abbiamo visto, somatopsichica.